sabato 31 ottobre 2015

Juvecaserta, obiettivo espugnare l’Unipol Arena

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 01/11/2015

LEGA A. I bianconeri nella loro storia hanno vinto solo quattro volte in trasferta con la Virtus
Juvecaserta, obiettivo espugnare l’Unipol Arena

di Giovanni Bocciero

CASERTA. Quando si affrontano la Juvecaserta e la Virtus Bologna, non si tratta mai di una gara qualsiasi. Due società che hanno fatto la storia della pallacanestro italiana, due piazze che vivono per la rispettiva formazione, due società che hanno vissuto il fallimento a cause economiche, seppur di diversa natura, che hanno saputo ripartire dal basso per ritornare nella massima serie e ristabilire le consuete gerarchie cestistiche. Due formazioni che hanno incrociate le lame non solo in ambito di campionato, ma anche in tema di Coppa Italia. Non a caso i bianconeri che annoverano nella propria bacheca una Coppa Italia, proprio contro le “V Nere” hanno perso altre due finali tirate e decise quasi nei minuti finali.
Caserta e Bologna non è una gara come le altre, vuoi perché unite dagli stessi colori, vuoi perché i tifosi casertani sono gemellati con i rivali cittadini della Fortitudo, ma ciò che più di tutto vale sono i tanti scontri che hanno visto protagoniste queste due società. Tante battaglie che in qualche modo hanno segnato la storia. Volendo fare un po’ di amarcord, casertani e bolognesi si sono affrontati ben 52 volte, con 32 successi raccolti dai felsinei. Se poi ci si focalizza soltanto sui match disputati a Bologna, allora sono state 26 le partite in cui soltanto quattro volte la Juvecaserta è riuscita a spuntarla.
L’ultima volta che i beniamini del PalaMaggiò espugnarono l’Unipol Arena fu nella stagione 2012/13, l’ultimo anno di coach Pino Sacripanti in panchina, quando quel blitz per 70-72 condotto da Stefano Gentile in versione di leader consentì alla Juvecaserta di mettere in cassaforte la salvezza. Nella stagione 2009/10, quella in cui Caserta ritornò prepotentemente sulla cartina geografica del basket italiano, il 72-84 finale rappresenta ancora oggi il massimo scarto dei bianconeri in quel di Casalecchio di Reno. Domani sarà nuovamente Virtus Bologna contro Juvecaserta, palla a due alle ore 20:45.

VIDEO: Maddaloni affronta Palermo. L'analisi dell'assistant coach De Maria

COMUNICATO STAMPA PALL. SAN MICHELE DEL 31/10/2015

La Pall. San Michele affronta Palermo

La Pallacanestro San Michele Maddaloni farà visita alla Nuova Aquila Palermo nel sesto turno del campionato di Serie B. Una trasferta a dir poco proibitiva per i biancazzurri di coach Giovanni Monda che comunque lotteranno per non recitare il ruolo della vittima sacrificale. Il team siciliano è stato costruito con il chiaro intento di cercare, per il secondo anno consecutivo, quella promozione che nella passata stagione è sfumata soltanto nella finalissima contro Agropoli.
FOTO AFFINITO
Di quel roster, oltre al tecnico Gianluca Tucci, sono stati confermati i vari Daniele Merletto, Edoardo Di Emidio, Marcello Cozzoli, Nelson Rizzitiello che è ancora infortunato e dunque assente per questa gara, e l'ex pivot dello Scafati Riccardo Antonelli che due stagioni or sono poté festeggiare il salto di categoria. Proprio con lui a Scafati condivise la promozione l'italo-argentino Federico Requena, punta di diamante del mercato estivo palermitano e che va a comporre una delle frontline più forti del campionato. Il playmaker Mauro Stella (ex Bisceglie) così come l'esterno Bruno Ondo Mengue (lo scorso anno alla Mens Sana Siena con cui conquistò il salto di categoria) arricchiscono un roster che davvero ha ampie rotazioni, considerando anche gli ingaggi dei lunghi Emanuele Urbani (scuola Pallacanestro Trieste) ed Alessandro Azzaro (ex Viola Reggio Calabria). I precedenti tra le due squadre sorridono ai siciliani, che nella passata stagione hanno vinto entrambi gli incontri risultando l'unica formazione a riuscire, nella stagione 2013/14, ad espugnare il Pala Angioni-Caliendo. La gara si disputerà presso il PalaMangano di Palermo domani, domenica 1 novembre 2015, con palla a due fissata per le ore 18:00. Dirigeranno la partita i signori Salvatore Arbace di Ragusa (RG) e Laura Rizzo di Palermo (PA).



«L'impegno che ci attende questa settimana è proibitivo - ha esordito l'assistant coach Ferdinando De Maria - perché Palermo è una formazione davvero molto profonda, che annovera tra le proprie fila giocatori esperti di questa categoria e che hanno vinto diversi campionati. Gli elementi della panchina valgono quanto quelli del quintetto, e questo fa capire la forza dei nostri avversari e la difficoltà della gara. Ci attende un match molto duro sia dal punto di vista fisico che da quello mentale, ma i ragazzi si sono allenati duramente ed in modo molto intenso per tutta la settimana, e quindi abbiamo tutta l'intenzione di dare il meglio - ha concluso il tecnico biancazzurro -, dando continuità al successo contro la Luiss Roma che ha alzato il morale dello spogliatoio dopo la non facile partenza in campionato».


Addetto Stampa
Pall. San Michele
Giovanni Bocciero

venerdì 30 ottobre 2015

UNDER 20 ELITE. One Team Basket da “paura”

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 31/10/2015

UNDER 20 ELITE. I casertani realizzano 90 punti contro l’Azzurro Napoli
One Team Basket da “paura”

ONE TEAM BASKET 90
AZZURRO NAPOLI 60
(20-16; 44-30; 63-44)

ONE TEAM BASKET: D’Addio 11, Damiano 5, Rossacco, Nacca 20, De Filippo 4, Ragnino 13, Falco 4, Bocciero, Catta, Tronco 11, Parisi 16, Salanti 6, All. Monteforte, Ass. Pavone.
AZZURRO NAPOLI: La Selva 12, Fiorini 4, Federico 4, Ferrara 3, Perrella 19, Paesano 4, Centro n.e., De Maria 7, Malfettone, Modugno 2, Abete 5, Giamminelli, All. Trojano, Ass. Ferrara.
ARBITRI: Dora Natale di Maddaloni e Marco Ruffini di San Nicola la Strada.

CASAPULLA. Dopo la bella affermazione in quel di Ischia, l’Under 20 Elite del One Team Basket vince anche alla prima uscita stagionale tra le mura amiche del PalaNatale di Casapulla. Una vittoria schiacciante contro l’Azzurro Napoli e mai messa in discussione per il gruppo di coach Francesco Monteforte escluso il primo quarto, in cui la squadra casertana ha cercato soprattutto di prendere le misure. Dalla seconda frazione in poi, però, già nelle prime battute i padroni di casa hanno fatto la voce grossa prendendo un vantaggio in doppia cifra frutto soprattutto di una difesa precisa ed attenta, che con grande costanza lanciava i tanti contropiede capitalizzati come meglio non si poteva. Al riposo lungo la partita sembrava indirizzata sulla strada giusta per il One Team Basket, che nel terzo periodo della sfida ha dovuto soltanto gestire il vantaggio che intanto era aumentato toccando quasi i venti punti all’ultimo pit-stop della gara. Gli ultimi seicento secondi sono stati un vero e proprio monologo per i casertani, che hanno concesso poco o nulla all’Azzurro Napoli che ben presto ha dovuto alzare bandiera bianca e soprattutto limitare i danni. In effetti, i casertani guidati ancora una volta dal top-scorer Elpidio Nacca, ma nel complesso ottimo il gioco di squadra fatto vedere sul rettangolo di gioco, hanno realizzato ben 90 punti rifilandone 30 ai dirimpettai.
Giovanni Bocciero

Juvecaserta-Bologna, similitudini a confronto

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 30/10/2015

LEGA A. La partita tra i bianconeri ed i felsinei di lunedì sera rappresenta uno spartiacque
Juvecaserta-Bologna, similitudini a confronto

di Giovanni Bocciero

CASERTA. La Juvecaserta sta lavorando in vista della trasferta di Bologna in cui dovrà affrontare una Virtus che, proprio come i bianconeri dopo aver vinto all’esordio in campionato adesso ha una striscia aperta di tre sconfitte. Nel posticipo di lunedì sera, per forza di cose, una delle due compagine potrà tornare a sorridere, a rifiatare, e a guardare con più tranquillità il prosieguo della stagione. Per l’altra, inutile dirlo, si aprirebbe una vera e propria crisi. Naturalmente di risultati nel caso specifico della squadra di coach Sandro Dell’Agnello. Non siamo dalla memoria corta, e dunque non dimentichiamo la prestazione da incerottata che la Juvecaserta ha messo in atto contro la corazzata Olimpia Milano, così come non si deve dimenticare la grande volontà che tutti i bianconeri mettono di volta in volta sul parquet. Allo stesso tempo però, quattro sconfitte consecutive farebbero male, davvero male per quello che si riesce a vedere e a carpire sul rettangolo di gioco.
FOTO FILAURO
Se a Pezza delle Noci non si può sorridere per l’infermeria piuttosto affollata, nemmeno a Casalecchio di Reno si vive felicemente. Infatti, la squadra di coach Giorgio Valli e dell’ex guardia casertana Michele Vitali, dovrà fare a meno del suo playmaker e faro Allan Ray, il quale già aveva saltanto qualche gara precedente prima di mettere piede in campo domenica scorsa a Pesaro e fermarsi nuovamente ai box per una distorsione al ginocchio destro che lo terrà fermo per circa un mese, più o meno 3 o 4 partite. Proprio per questo, come Caserta, anche le “V Nere” sono tornate sul mercato per prendere un rinforzo in cabina di regia. Elemento che sicuramente non arriverà in tempo pratico per la gara contro Daniele Cinciarini e compagni. Anche perchè entro oggi si chiudono appunto i tesseramenti.
Ci sono molte similitudini, attualmente, tra i bianconeri casertani e quelli bolognesi. Innanzitutto l’assenza del punto cardine della squadra che è il playmaker, Siva da una parte e Ray dall’altra appunto. E poi la possibilità di intervenire sul mercato per entrambe, con l’obiettivo di prendere un rimpiazzo possibilmente comunitario o al massimo passaportato, in modo da non spendere un altro visto. E in questa ottica, dovendo il rinforzo arrivare dopo la quinta giornata, non è da escludere l’interessamento per qualche giocatore in odore di taglio in altre compagini del Bel Paese senza utilizzare il visto. Ma al momento sembra una possibilità piuttosto remota. E poi come già detto, entrambe le compagini sono alla ricerca di quel successo che metterebbe una pietra sopra a questa striscia di tre sconfitte consecutive.
Serve dunque una svolta, soprattutto per la Juvecaserta, che nelle ultime stagioni all’Unipol Arena è stata sempre autrice di prestazioni piuttosto insufficienti pur avendo dalla propria parte una squadra più collaudata oltre che una migliore classifica. Ci viene subito in mente la gara di due stagioni or sono quando i bianconeri di coach Lele Molin anche a causa della sconfitta rimediata in quel di Casalecchio di Reno compromettettero la corsa per un posto nei playoff. Insomma la Virtus Bologna ancora una volta rappresenta un appuntamento spartiacque per la Juvecaserta, che se riuscisse a conquistare i due punti in palio sicuramente metterebbero a tacere quei malumori che come spesso accade una frangia della tifoseria anima appena non arrivano i meri risultati sportivi. Oltre a portare un po’ di serenità nello spogliatoio che non riesce a vedere ripagati tutti i sacrifici che si stanno facendo. Una sconfitta invece, avvalorerebbe maggiormente queste proteste che la società deve evitare di ascoltare, proprio per non incorrere negli errori che sono stati commessi l’anno scorso, quando per ascoltare la piazza ci si precluse in qualche modo la salvezza, perché solo quando sul finire si fece quadrato la squadra riusci a dare il meglio di se, e a sfiorare la permanenza nella massima serie.

giovedì 29 ottobre 2015

VIDEO: Via al campionato U16 Ecc. del San Michele. Parla coach Monda

COMUNICATO STAMPA PALL. SAN MICHELE DEL 29/10/2015

Al via il campionato Under 16 Eccellenza della Pall. San Michele

La formazione Under 16 Eccellenza della Pallacanestro San Michele Maddaloni sta per cominciare la propria avventura, visto che questo pomeriggio, venerdì 30 ottobre, tra le mura amiche del Pala Angioni-Caliendo ci sarà l'esordio in campionato contro il Vesuvius Cercola con palla a due alle ore 18:00. La formula del campionato prevede un girone unico composto da dieci squadre che si affronteranno con il classico girone all'italiana, ovvero gare di andata e ritorno. Al termine delle partite le compagini meglio classificate si qualificheranno alla Fase Interregionale, ed il numero esatto delle ammesse sarà comunicato a tempo debito con circolare del Settore Giovanile della FIP. I team ai nastri di partenza di questo torneo sono: Pall. San Michele Maddaloni, Basket Juvecaserta, Virtus 04 Curti, Del. Fes. Avellino, Invicta Potenza, Nuova Pol. Castellammare di Stabia, Athletic System San Giorgio a Cremano, Virtus Pozzuoli, Vesuvius Cercola e Basket Scafati 1969.

Questo di seguito il roster biancazzurro:
#1 Domenico Papa 2000 guardia; 
#3 Gianluca De Meo 2000 pivot;
#5 Ciro Torre 2000 play;
#7 Michele Tartaro 2000 ala;
#10 Francesco Tedesco 2000 guardia;
#13 Marco Guarino 2000 pivot;
#16 Giulio Spallieri 2000 pivot;
#17 Alessio Ragnino 2000 guardia; 
#18 Antonino Sabatino 2000 play; 
#19 Giovanni Ceriello 2000 guardia;
#25 Ciro Iavazzo 2000 ala;
#30 Giovanni Galietti 2000 play; 
#31 Salvatore Di Gaetano 2000 ala; 
#34 Salvatore Migliaccio 2000 play; 
#43 Erasmo Petringa 2000 ala;
#50 Emine Bentrad 2000 pivot;
#55 Giuseppe Cerreto 2000 ala;
All. Giovanni Monda;
Ass. Ferdinando De Maria;
Ass. Nicola Santangelo.



«Siamo contenti che finalmente inizia il nostro campionato - ha esordito l'head coach Giovanni Monda - perché i ragazzi sono vogliosi di mettersi alla prova. Abbiamo sicuramente l'intenzione di disputare un campionato di alto profilo, ma più che il mero risultato sportivo vogliamo continuare l'importante percorso tecnico e formativo che ha avuto inizio già nella passata stagione. Siamo riusciti ad inserire un paio di giocatori sicuramente di spessore, che ci hanno permesso di alzare ulteriormente l'asticella e che ci aiuteranno non solo da un punto di vista agonistico ma soprattutto nella costruzione di una struttura di squadra. Ci permetteranno di implementare quel discorso tecnico già avviato nella passata stagione. I risultati a livello giovanile restano una componente importante perché aiutano ad alzare il morale e a crescere in autostima - ha concluso il tecnico biancazzurro -, però il messaggio che deve passare è quello dell'impegno e dell'abnegazione in palestra che permettono la crescita personale dell'atleta».

Addetto Stampa
Pall. San Michele
Giovanni Bocciero

SERIE D. S. Maria a Vico, Antonio Di Marzo: «Pensiamo a divertirci»

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 29/10/2015

SERIE D. Il bomber di Santa Maria a Vico guarda fiducioso al prosieguo del campionato
Antonio Di Marzo: «Pensiamo a divertirci»

SANTA MARIA A VICO. La Pallacanestro Santa Maria a Vico è partita piuttosto forte nel campionato di Serie D, avendo raccolto tre successi importantissimi contro Partenope, Basketorre e P&R Pozzuoli.  
In estate la società ha avuto problemi economici, poi però è iniziato il campionato ed avete raccolto tre vittorie su quattro gare?
«La società, come quasi tutte ormai, ogni anno e quest'anno su tutti, ha fatto - ha esordito l’esterno Antonio Di Marzo - grandi sacrifici per far giocare e divertire noi ragazzi che ancora viviamo di questa passione. Rispetto al roster dello scorso anno si sono aggiunti al gruppo giocatori come Sarchioto, Pepe e Cavalluzzo, tutti ex Cestistica Benevento, i quali sono tre pedine validissime e di grande spessore, sia umano che tecnico, e nonostante la situazione della società hanno comunque voluto sposare questa causa. Non ci possiamo lamentare della partenza in campionato, anche se abbiamo un rammarico grandissimo contro Capo Miseno, team candidato al salto di categoria che ha tra le sue fila un Canzonieri in gran forma. Abbiamo perso in casa dopo una partita tiratissima e molto combattuta, e che ci servirà da insegnamento per le prossime sfide».
ANTONIO DI MARZO
Sei uno dei migliori giocatori della Serie D, per questo come valuti nel complesso il livello del torneo?
«Non posso nascondere che continuò a divertirmi, e questo anche grazie alla squadra - ha rivelato il bomber vicano -. Di giocatori validi in questo campionato ce ne sono molti, sia “over” che giovani promettenti. Credo comunque che sia ancora presto per giudicare il livello del campionato, però sarà interessantissimo scoprirlo strada facendo».
Domenica ospiterete Solofra per la quinta giornata, una gara difficile che rievoca la semifinale dei playoff dello scorso anno?
«In poco più di un anno è la quinta volta che li incontriamo in gare ufficiali. Abbiamo molto rispetto per loro - ha sottolineato l’ex Airola e Bisceglie -, sono un bel gruppo compatto, con tanti giocatori con punti nelle mani, giocano una bella pallacanestro, uno dei motivi che li ha spinti così in alto l’anno scorso. In più si sono rinforzati con l arrivo di Cantelmo, e quindi sarà una bella partita, tosta, dovremo affrontarla nel modo giusto».
Lo scorso anno avete disputato un campionato ben oltre le più rosee aspettative, quest'anno cosa ti senti di poter dire?
«L'anno scorso la nostra forza fu il gruppo, si lavorava e si giocava, ognuno sfruttava le proprie caratteristiche e le metteva al servizio della squadra e dei compagni, ci si sacrificava tanto e alla fine ci siamo “divertiti”. Aspettative quest’anno non ne abbiamo, stiamo lavorando tanto, ci stiamo amalgamando e cercando di fare gruppo. Puntiamo a divertirci anche quest'anno, questo è poco ma sicuro. La strada è ancora lunga, a fine anno tireremo la lineetta e vedremo a che punto siamo arrivati. In virtù di ciò - ha concluso Antonio Di Marzo -, dico soltanto in bocca al lupo a noi».
Giovanni Bocciero

Marzaioli, due punti per lui in Eurocup

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 29/10/2015

EUROCUP. Due punti per lui
Marzaioli va ko

CASERTA. Nella schiacciante sconfitta per 103-76 rimediata dall’Enel Brindisi in Eurocup, nella trasferta sul proibitivo parquet di Gran Canaria, il playmaker maddalonese doc Domenico Marzaioli ha realizzato due punti nello spazio che gli ha ritagliato il coach Piero Bucchi.
Utilizzato con il contagocce fin qui in campionato, al prodotto dell’Artus Maddaloni ed ex atleta della Juvecaserta è stata affidata la cabina di regia soprattutto nel terzo quarto dell’incontro, quando purtroppo la formazione spagnola già nettamente padrona della sfida ha scavato il decisivo solco che ha portato ad asfaltare i brindisini.
Adesso l’Enel dovrà recuperare le forze e prepararsi al prossimo impegno di campionato che la vedrà scendere sul parquet della Pallacanestro Cantù, in cui l’assenza per infortunio di Scottie Reynolds che è quotidianamente monitorato dallo staff tecnico pugliese dovrebbe consentire a Marzaioli di usufruire ancora di un buon minutaggio.
Oltretutto per l’atleta maddalonese doc il PalaPianella è un campo sul quale ha già raccolto momenti memorabili della sua carriera, avendo deciso con un tiro allo scadere l’incontro di un paio di stagioni fa tra la Juvecaserta all’epoca allenata proprio dal tecnico brianzolo Pino Sacripanti. Chissà che l’assenza di Reynolds non possa essere bene augurante in questo senso.
GIBO

martedì 27 ottobre 2015

COPPA CAMPANIA. Quattro team di Terra di Lavoro in campo

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 28/10/2015

COPPA CAMPANIA. Koinè a Ischia e Parete con Roccarainola, domani Casapulla e Curti 
Quattro team di Terra di Lavoro in campo

CASERTA. Oggi e domani, mercoledì 28 e giovedì 29 ottobre, si disputerà il turno preliminare della Coppa Campania al quale prenderanno parte quattro formazioni di Terra di Lavoro, ovvero Koinè San Nicola, Basket Parete, Basket Casapulla e Virtus Curti. La prima compagine a scendere sul parquet di gioco saranno i sannicolesi di coach Antonio Merola, che questo pomeriggio alle ore 16:30 saranno di scena ad Ischia per affrontare la locale Cestistica. Il Koinè dopo essere partito lanciato in campionato, con tre successi consecutivi e la conquista del derby con il Casapulla, nell'ultimo turno sono scivolati tra le mura di casa contro Saviano mettendo fine all'imbattibilità del PalaIlario dopo oltre un anno. L'impegno di coppa, sulla carta, non è complicato per i neroarancio anche se gli avversari si sono sbloccati in campionato proprio nell'ultimo weekend.
Sempre stasera, alle ore 20:45, il Basket Parete ospiterà presso la Tendostruttura Basile l'A.S.D. Roccarainola che milita nei bassifondi della classifica della Serie D con ancora zero punti al suo attivo e che proprio domenica scorsa è stata asfaltata in casa da Casapulla. La formazione dell'Agro Aversano è stata sfortunata in questo avvio di stagione, avendo raccolto un solo successo nelle tre gare disputate alzando bandiera bianca entrambe le volte in casa contro Koinè e Secondigliano che occupano le posizioni alte della classifica. I ragazzi del tecnico Alfonso Moretti sono dunque a caccia della prima affermazione casalinga e questa sembra essere una ghiotta opportunità.
Domani sarà invece il turno di Casapulla e Curti giocare la propria partita di Coppa Campania. I gialloviola di coach Francesco Monteforte usufruiranno del fattore campo del PalaNatale nell'incontro con il Basketorre 2009. I casapullesi vengono dalla convincente vittoria di Roccarainola dopo il ko interno con il Koinè, ed hanno tutta l'intenzione di regalare il bis al proprio pubblico contro la squadra di Torre Annunziata che di certo non ha particolarmente impressionato nelle prime giornate di questo campionato di Serie D.
L'impegno più ostico è sicuramente capitato alla Virtus Curti, che ospiterà la corazzata Nuova Pall. Sarno con palla a due alle ore 21:00. I virtussini oltretutto arrivano da due sconfitte consecutive in campionato in casa contro Bellizzi e lo scorso weekend in quel di Mugnano di Napoli. Sarno è uno dei migliori attacchi di tutto il campionato con i suoi 80,1 punti di media realizzati, ma ciò che deve preoccupare forse di più ai ragazzi del tecnico Daniele Della Valle sono i quasi 39 punti di media di scarto che i sarnesi hanno rifilato agli avversari nelle prime tre uscite in stagione.
Giovanni Bocciero

lunedì 26 ottobre 2015

UNDER 18 ECC. Primo urrà per Maddaloni che batte Scafati

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 27/10/2015

UNDER 18 ECCELLENZA. I maddalonesi s’impongono dopo un match intenso
Primo urrà per Maddaloni che batte Scafati

PALL. SAN MICHELE 67
BASKET SCAFATI 1969 63
(16-21; 34-32; 43-50)

MADDALONI: Tartaglione  3, Pascarella 22, Bocciero 4, Nappi 15, Mandato 8, Piacentile n.e., Famoso n.e., Cioppa 2, Ciccone 5, Pagano, Lucariello n.e., Cicala 8. All. Palmisani Ass. De Maria.
SCAFATI: Conforto 9, Mastantuoni, Melillo 9, D' Angiolo 17, Cimino 12, Zaccaro 13, Russo 2, Mazzarella, D' Apice n.e., Avolio 1, Longobardi n.e., Aprea n.e.. All. Petillo.
ARBITRI: Luigi Marino di Caserta e Luca Frattini di Casagiove.
NOTE: Uscito per 5 falli Cimino.

MADDALONI. La formazione Under 18 Eccellenza della Pallacanestro San Michele Maddaloni non fallisce l’appuntamento con la vittoria al quarto tentativo, battendo dopo una lunga ed estenuante battaglia agonistica il Basket Scafati 1969. I primi minuti del match sono stati equilibrati, giocati punto a punto e su ritmi molto elevati che talvolta mandavano in confusione gli attacchi. Gli ospiti però negli ultimi giri di lancette prendono un leggero vantaggio chiudendo i primi 10’ sul più cinque. Questo margine è stato conservato dagli avversari per quasi tutta la seconda frazione, con la reazione dei ragazzi di coach Massimiliano Palmisani che tardava ad arrivare. Quando però questi sono riusciti ad ingranare hanno messo a segno un 10-0 di parziale ribaltando la situazione prima del riposo lungo, che vede i biancazzurri andarci sul più due.
Nella ripresa Scafati parte lanciato e raggiunge il massimo vantaggio del match sul più dodici. I padroni di casa nonostante sembrano siano rimasti nello spogliatoio non si disuniscono e reggono l’urto grazie ad una buona grinta difensiva, e ricucendo lo svantaggio a sette lunghezza all’ultimo pit-stop dell’incontro. L’ultima frazione è la più intensa dell’intera gara, il San Michele gioca meglio e capovolgere il punteggio come un calzino in virtù di una difesa ermetica e di un attacco chirurgico. Nelle ultime azioni Scafati si è aggrappato al fallo sistematico ma è incappato nella freddezza di Giuseppe Pascarella che dalla linea della carità non ha tremato, e così i maddalonesi hanno conquistato i primi due punti del loro campionato.
Dopo quattro giornate in vetta alla classifica a punteggio pieno vi sono Polisportiva Battipaglia e Basket Juvecaserta, seguite da ViviBasket Napoli e Scandone Avellino a quota 6. La Virtus Pozzuoli con 4 punti precede San Michele Maddaloni, Vesuvius Cercola e Club Potenza che hanno 2 punti, mentre Basket Scafati 1969 e Virtus Benevento sono ferme a 0. Cercola e Benevento hanno una gara da recuperare. Domani, mercoledì 28 ottobre alle ore 18:30, Maddaloni ospita Potenza e cercherà il bis.
Giov.Bocc,

La Juvecaserta è uscita a testa alta con Milano

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 27/10/2015

LEGA A. Ai bianconeri resta sicuramente l’amaro in bocca per non essere riusciti nell’impresa
La Juvecaserta è uscita a testa alta con Milano

di Giovanni Bocciero

CASERTA. Doveva essere una Caporetto e invece si è usciti a testa alta, altissima. Questo il sunto della conferenza stampa di Sandro Dell’Agnello al termine del posticipo di domenica. La Juvecaserta pur sconfitta tra le mura amiche del PalaMaggiò può essere soddisfatta della prestazione che ha messo in campo contro una corazzata quale è l’Olimpia Milano, che dopo aver praticamente dominato nei primi minuti dell’incontro grazie alla maggiore fisicità palesata sotto le plance, si è dovuta inchinare per il resto del primo quarto all’ottima organizzazione di gioco che gli uomini di coach Dell’Agnello hanno messo in pratica. Alla fine però, i valori veri vengono sempre fuori e allora tra qualche azioni individuale di Alessandro Gentile, gara dalle polveri bagnate per il figlio di Nandokan che comunque è risultato il secondo miglior marcatore per i suoi, ed una serie infinita di triple mandate a segno dal collettivo meneghino è arrivata una sconfitta che lascia tanto amaro in bocca per i bianconeri.
FOTO FILAURO
Nonostante una situazione infortuni che ha visto la Juvecaserta orfana dell’ormai cronico Peyton Siva e di Bobby Jones, con Marco Giuri che appena usciva dal campo si metteva a fare cyclette per tenere caldi i muscoli, e Micah Downs che appena sabato mattina si era fratturato un dito della mano fasciato e ben visibile all’occhio più attento, la rotazione si presentava risicata e circoscritta a sostanzialmente sette elementi, con quintetti imbastiti tenendo conto certamente di una logica tattica, ma soprattutto cercando di ripartire minutaggio e “batterie”. A tratti, appunto, questo aspetto camaleontico della Juvecaserta ha sottratto agli avversari di punti di riferimento essenziali per attaccare e difendere, che hanno fatto arrabbiare e non poco coach Jasmin Repesa che in conferenza stampa non ha negato le difficoltà che la sua squadra ha dovuto affrontare e superare per conquistare lo scalpo dei bianconeri. E questo ovviamente non fa che aumentare il rammarico per la sconfitta rimediata dopo aver sfornato una buona prestazione in tale situazione.
I bianconeri hanno lottato, si sono sbattuti, hanno sudato la maglia e fatto sudare le proverbiali sette camicie alle “scarpette rosse”, ma le differenze tra i due roster erano effettivamente enormi. Nonostante ciò non si può fare altro che applaudire Daniele Cinciarini e compagni che hanno davvero tenuto testa ai più quotati avversari, restando più di quanto previsto alla vigilia con il naso avanti nel punteggio. E quando poi Milano ha messo la freccia non è mai riuscita a fare propria la partita perché i bianconeri sono rimasti attaccati al match con grinta, caparbietà, voglia. Aspetti che sono stati trasmessi ovviamente dal trainer toscano Dell’Agnello, che dovendo fare ancora una volta di necessità virtù non vuol sapere di alcun alibi, è soddisfatto del suo gruppo e di come stanno affrontando i vari impegni di campionato pur tra le tante difficoltà che si presentano.

VIDEO: Il San Michele manda al tappeto la Luiss. Parla coach Monda

COMUNICATO STAMPA PALL. SAN MICHELE DEL 26/10/2015

Il San Michele manda al tappeto la Luiss

Pall. San Michele Maddaloni- Luiss Roma 81-67
Parziali: 28-13; 43-29; 61-53.
Maddaloni: Ragnino 4, Piscitelli 10, Caceres 17, Desiato 11, Marini 5, Garofalo, Rusciano 5, Perillo n.e., Chiavazzo 29, Florio, All. Monda, Ass. Palmisani, Ass. De Maria.
Roma: Faragalli 8, De Dominicis 2, Chiatti 10, Scuderi 4, Ramenghi 9, Faccenda, Marcon 17, Rambaldi 9, Beretta 6, Sorrentino 2, All. Paccariè, Ass. Fulgaro, Ass. Pederzoli.
Arbitri: Andrea Giacalone di Erice (TP) e Dario Lombardo di Trapani (TP).

Cronaca: La Pallacanestro San Michele Maddaloni batte la Luiss Roma e finalmente centra la prima vittoria del suo campionato. Gara che è stata sempre in controllo dei biancazzurri di coach Giovanni Monda che l’hanno prima indirizzata sui binari a loro più congeniali, e poi hanno controllato rispedendo al mittente qualsiasi tentativo di recupero. Una vittoria che comunque da morale all’ambiente calatino, ma è doveroso anche sottolineare quanto sia equilibrato questo campionato, visto che dopo la quinta giornata tutte le sedici squadre hanno ottenuto almeno un successo. Questo evidenzia ancor di più come ogni partita fa storia a se e va giocata dall’inizio alla fine.
Sin dalla palla a due è il San Michele che fa la partita, imponendosi tanto con il gioco quanto con il fisico e trovando subito il 6-0. La Luiss sbaglia tanto anche vicino a canestro, e allora decisamente la partita si fa in salita per loro. I biancazzurri difendono con intensità, non concedono tiri facili e soprattutto arpionano qualsiasi rimbalzo così da non concedere inopportune seconde opportunità ai luissini. E proprio dai rimbalzi o dai recuperi nascono i micidiali contropiede che vedono ergersi a miglior marcatore dell’incontro sin dal primo quarto di gioco Francesco Chiavazzo. Roma prova con una serie di cambi ad invertire la rotta, ma non riesce proprio a trovare il bandolo della matassa tanto da toccare il massimo dello svantaggio sulle diciotto lunghezze al 9’ (26-8).
La seconda frazione vede parzialmente riaprirsi la contesa in virtù di un buon break messo a segno dagli ospiti, che allungano la difesa in un pressing a tutto campo che qualche problemino lo crea ai maddalonesi, tanto da arrivare addirittura ad appena sette punti di differenza al 16’, sul 33-26. I piazzati di Giuseppe Piscitelli, però, fanno la differenza per tenere saldamente avanti Maddaloni che ritorna poi alla doppia cifra di vantaggio prima di andare al riposo lungo.
Al rientro dagli spogliatoi il leit movit della gara appare essere lo stesso. Ciò che cambia sono gli animi sul parquet. Infatti i biancazzurri accusano un arbitraggio forse troppo permissivo nei confronti della Luiss, e dalle ripetute proteste nascono i due tecnici prima a Rusciano e poi a Chiavazzo. Nonostante ciò i padroni di casa non perdono fluidità in attacco e riescono a costruire tanti attacchi che portano a segnare anche il giovane prodotto locale classe ‘96 Ivano Ragnino, che si fa trovare più che pronto quando viene buttato nella mischia. La compagine capitolina galleggia sul filo del -9 e -11 per diversi minuti, ma Maddaloni non crolla mentalmente, tiene ottimamente il campo e alla fine del terzo periodo può contare su otto punti di vantaggio soltanto in virtù del buzzer-beater realizzato dai luissini.
I viandanti provano a ricucire lo strappo con grande veemenza nei primi minuti dell’ultimo quarto di gioco, provando ovviamente ad alzare i ritmi e di conseguenza il numero dei possessi. E’ ovvio che cresca anche l’intensità sul rettangolo di gioco, e allora si vedono diverse bagarre a rimbalzo, con i giocatori di entrambe le formazioni che lottano senza voler indietreggiare nemmeno di un centimetro. In questa circostanza si vede un grande Giovanni Marini, che si sbatte in difesa, si tuffa su diversi palloni e propizia alcuni recuperi che di fatto permettono a Juan Manuel Caceres di involarsi in contropiede e mettere, metaforicamente parlando, i chiodi alla bara che porta il nome della Luiss Roma. E adesso sotto con la trasferta di Palermo, gara più che difficile.



Addetto Stampa
Pall. San Michele
Giovanni Bocciero

domenica 25 ottobre 2015

La Boxing Maddaloni diventa affiliata M.I.VA.S.S.

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 26/10/2015

PUGILATO. L’associazione calatina ospiterà corsi di fitness e sport da combattimento
La Boxing Maddaloni diventa affiliata M.I.VA.S.S.

MADDALONI. Continua alacremente il lavoro della A.S.D. Boxing Maddaloni che mercoledì scorso presso la propria palestra del Palazzetto dello Sport Angioni-Caliendo ha ospitato lo stage di Military Fitness. Un grande successo di partecipazione all’evento, organizzato con la collaborazione del personal trainer dell’associazione pugilistica Vincent Spina. Lo stage ha visto partecipare sia gli atleti della Boxing Maddaloni, che in virtù del suo progetto socio-sportivo garantisce corsi gratuiti a tutti i propri tesserati, sia persone esterne. Tutti gli iscritti si sono cimentati nel classico percorso militare abbinato ad esercizi di fitness e di pugilato. Una bella iniziativa che di sicuro può inorgoglire ulteriormente i dirigenti della società pugilistica maddalonese ed il suo maestro Clemente di Crescenzo.
IL MAESTRO CLEMENTE DI CRESCENZO
Nel suo primo anno di vita la Boxing Maddaloni si è resa molto attiva, con eventi e manifestazioni che potessero far conoscere in tutta la città ed anche nell’intera regione  l’attività dell’associazione che punta a rilanciare il pugilato calatino per raggiungere i fasti di un tempo. La società maddalonese inoltre, è diventata sede dei corsi Hombre Libre per il M.I.VA.S.S., il movimento italiano dei valori sportivi e sociali, che si addicono all’idea della società maddalonese. Con questa affiliazione da parte della Boxing Maddaloni al M.I.VA.S.S., il maestro Clemente di Crescenzo è stato abilitato a collaborare alla formazione di maestri di boxe e di tanti altri corsi di fitness e sport da combattimento quali istruttore di sala, personal trainer, istruttore military fitness, istruttore military self defense, maestro di military fitness hombre libre method, maestro di sport da combattimento, istruttore esperto disarmo. Corsi regolari che, su volontà della presidenza della Boxing Maddaloni, saranno prossimamente inseriti nella propria programmazione di attività.
GIBO

sabato 24 ottobre 2015

VIDEO: Il San Michele ospita la Luiss. Il pregara di coach Monda

COMUNICATO STAMPA PALL. SAN MICHELE DEL 24/10/2015

La Pall. San Michele ospita la Luiss Roma

La Pallacanestro San Michele Maddaloni ritorna tra le mura amiche del Pala Angioni-Caliendo in vista della quinta giornata del campionato di Serie B. La formazione biancazzurra, ancora a secco di vittorie, ospita la squadra universitaria della Luiss Roma ed ha tutta l'intenzione di rompere il ghiaccio. La compagine romana allenata da Andrea Paccariè è composta unicamente da atleti che allo stesso tempo sono iscritti anche ai tanti corsi di studio dell'ateneo della capitale. Il giocatore più temibile dei romani è la guardia classe '95 Leonardo Marcon, scuola Reyer Venezia che viaggia a 20 punti di media, supportato egregiamente dai vari compagni Francesco Faragalli (play classe '95), Giacomo Chiatti (guardia classe '86), Stefano Rambaldi (ala classe '91) e Francesco Ramenghi (pivot classe '92) che costituiscono l'ideale starting-five luissino. Tra le fila dei prossimi avversari dei maddalonesi vi è anche il play classe '92 Andrea Scuderi, visto lo scorso anno con la casacca del Planet Catanzaro. Palla a due in programma per domani, domenica 25 ottobre alle ore 18:00, con la gara che sarà diretta dai signori Andrea Giacalone di Erice (TP) e Dario Lombardo di Trapani (TP).



«Dopo la sconfitta di domenica a Viterbo abbiamo dovuto ricaricare le batterie - ha esordito l'head coach Giovanni Monda - ritrovare le energie necessarie e quel giusto clima che ci permettessero di allenarci bene durante la settimana. Siamo riusciti a trovare questa carica positiva e così il lavoro settimanale è stato molto soddisfacente. Adesso ci attende l'impegno contro la Luiss Roma che non sarà semplice. Non lo sarà perché squadre come la Luiss pur non avendo sulla carta l'esperienza ed il talento necessari sanno supplire egregiamente con la fisicità, l'energia, l'atletismo. E quindi mi aspetto una gara dove sarà importante gestire i ritmi tanto offensivi quanto difensivi - ha concluso il tecnico biancazzurro - e cercare di insistere su quegli aspetti del gioco dove noi possiamo trarne vantaggio».


Addetto Stampa
Pall. San Michele
Giovanni Bocciero

venerdì 23 ottobre 2015

Juvecaserta, con Milano per spazzare le critiche

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 24/10/2015

LEGA A. Il posticipo del PalaMaggiò sarà importante soprattutto sotto l’aspetto della prestazione
Juvecaserta, con Milano per spazzare le critiche

di Giovanni Bocciero

CASERTA. Giorni difficili, giorni convulsi, giorni di valutazioni e di decisioni in quel di Pezza delle Noci dove il frontoffice della Juvecaserta ha dovuto programmare le prossime mosse da fare. Ovviamente con l’assenza di Peyton Siva che sarà prolungata per almeno altri venti giorni, e con l’interrogativo Marco Giuri in vista del posticipo di domenica con Milano, la società bianconera dovrà assolutamente intervenire in cabina di regia senza perdere altro tempo. Di certo con Milano non ci saranno novità, perché i tesseramenti si sono conclusi nella giornata di ieri, ma per il prosieguo del campionato la Juvecaserta non potrà continuare a regalare il playmaker alle squadre avversarie.

FOTO BASKETINSIDE
IL MERCATO. Come detto, dunque, la compagine di patron Raffaele Iavazzi dovrà per forza di cose fare un ulteriore sacrificio economico per concedere a coach Sandro Dell’Agnello un regista puro che sappia costruire gioco. Il problema naturalmente è soprattutto cosa offre attualmente il mercato. La Juvecaserta attualmente ha ancora a disposizione un solo visto, e utilizzarlo per prendere un giocatore che faccia da tappabuchi, che firmi un contratto a gettone, è davvero impensabile. E allora cosa cercare? L’identikit perfetto sarebbe quello di un giocatore comunitario, o comunque passaportato per uno dei Paesi europei, oppure con status di Cotonou dalla discreta esperienza per calarsi in un batter d’occhio nella nuova realtà che gli si pone. Proprio come fatto da Roko Ukic in quel di Varese tanto per fare un esempio. E’ logico che bisognerà prendere in grande considerazione l’aspetto prettamente economico, perché, giustamente, con Siva a libro paga di certo non si può pretendere un esborso considerevole. Si dovrà puntare ad un affare in stile Viktor Gaddefors tanto per rendere l’idea.

L’AVVERSARIA. Tutte queste congetture sul mercato non potranno essere messe in pratica nella prossima partita, con la Juvecaserta che dunque dovrà continuare a fare di necessità virtù, soprattutto in cabina di regia. Che partita aspettarsi contro Milano? Le “scarpette rosse” arriveranno all’ombra della Reggia dopo aver affrontato la trasferta di Istanbul per l’impegno di giovedì in Eurolega. Alessandro Gentile e compagni hanno tenuto testa all’Anadolu Efes per oltre tre quarti prima di crollare mentalmente e fisicamente contro la formazione turca subendo alla fine un meno sedici che certamente non è soddisfacente. L’Olimpia ha lottato a rimbalzo, e se dovesse interpretare la partita del PalaMaggiò con la stessa intensità, per il pacchetto lunghi della Juvecaserta sarà decisamente una partita molto, ma molto dura da giocare. La stazza e la fisicità poi, oltre alla lunga panchina, fanno pendere la bilancia inesorabilmente dalla parte dei meneghini. Altro aspetto importante per provare ad analizzare la gara che sarà, saranno di sicuro le motivazioni. Caserta vs Milano non è mai una gara banale, e se i secondi hanno intenzione di dare continuità in campionato dopo la bella affermazione di Avellino di lunedì scorso. Lo stesso varrà anche per i casertani che forse, ripensando alle dure critiche alzate in maniera troppo pessimistica nei confronti del proprio tecnico, cercheranno di rispondere a quella frangia di tifosi con una buona prestazione. Che sarebbe già un gran successo, viste le condizioni, anche se non dovessero arrivare i tanto sperati due punti.

UNDER 20 ELITE. Esordio con il sorriso per il One Team

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 24/10/2015

UNDER 20 ELITE. La formazione casertana ha espugnato il parquet del Forio
Esordio con il sorriso per il One Team

FORIO BASKET 48
ONE TEAM BASKET 54
(13-10; 25-18; 34-32)

FORIO: Criscuolo 7, Barbieri 2, Buono, Nicolella 3, Traballesi 13, D'Aiello, Merlo 17, Calise V. 2, Calise S. 4, All. Cofrancesco, Ass. Elia.
ONE TEAM: D'Addio 5, Damiano 5, Rossacco 4, Nacca 20, De Filippo 6, Falco 4, Bocciero, Catta, Tronco 6, Parisi 4, Salanti, All. Monteforte, Ass. Pavone.
ARBITRI: Francesco Ariante e Giuseppe Vastarella di Napoli.

CASERTA. Inizia con una vittoria l'avventura dell'Under 20 Elite della One Team Basket che all'esordio in campionato espugna il parquet del Forio Basket con una buona prestazione generale anche se si è sofferto sino alle battute finali. Il primo tempo del match non è stato bello da vedere, con ambedue le squadre ancora in fase di rodaggio e che si nota largamente. Soprattutto la compagine casertana di coach Francesco Monteforte nata dalla fusione di LBL Caserta e Basket Casapulla con l'aggiunta di un paio di atleti del San Michele Maddaloni ed altri di scuola Juvecaserta deve ancora amalgamarsi a dovere. I padroni di casa riescono dalla palla a due a tenere le redini del punteggio in mano, con un importante allungo poco prima della sirena lunga che manda le squadre negli spogliatoi con sette punti a dividerle. Al rientro in campo continua a tenere saldamente il naso avanti Forio, con il leit motiv della gara che assomiglia tanto ad un botta e risposta. Nella parte conclusiva della terza frazione i locali subiscono però il break degli ospiti che accorciano sino al meno due oltre a caricarsi emotivamente. Già nei primi possessi dell'ultimo periodo One Team trova il sorpasso, anche se le squadre si fronteggiano a viso aperto tenendo la gara in grande equilibrio. A poco più di due giri di lancette dalla sirena finale sale in cattedra Elpidio Nacca, decisamente il migliore tra i suoi, che prima confeziona un gioco da tre punti che lancia la squadra avanti in un momento di surplus, e poi aggiunge il fiocco dalla linea della carità visto che gli avversari nelle ultime battute si affidano al fallo sistematico per provare a capovolgere la situazione. Una vittoria preziosa per i casertani che rompono immediatamente il ghiaccio.
GIBO

giovedì 22 ottobre 2015

SERIE D. Casapulla, Dario Di Lorenzo: «Dobbiamo ancora lavorare»

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 23/10/2015

SERIE D. Casapulla dopo la sconfitta con il Koinè pensa solo a riprendere il cammino
Dario Di Lorenzo: «Dobbiamo ancora lavorare»

CASAPULLA. Dopo due vittorie consecutive dall’inizio del campionato di Serie D, domenica scorsa il Basket Casapulla ha raccolto il primo referto giallo perdendo tra le mura amiche del PalaNatale contro il Koinè San Nicola. Una sconfitta che ha interrotto la striscia positiva dei gialloviola che però sono più determinati di prima a voler tornare subito alla vittoria.
DARIO DI LORENZO
Anche quest'anno siete partiti molto bene con due vittorie importanti, la forza e la coesione del gruppo resta il vostro segreto?
«Quest’anno siamo partiti con due vittorie importanti contro Saviano e Partenope. Entrambe le sfide - ha esordito il playmaker Dario Di Lorenzo - hanno evidenziato il fatto che abbiamo ancora molto da lavorare per rimediare alle assenze pesanti rispetto all’anno scorso e per raggiungere una condizione fisica che ci permetta di esprimere il nostro gioco al meglio. Soprattutto in attacco dove abbiamo fatto un po' di fatica in più rispetto agli anni scorsi. Per quanto riguarda la coesione di gruppo di sicuro resta uno dei nostri punti di forza».
Domenica il derby con il Koinè San Nicola vi ha visto uscire sconfitti, ma la sensazione è che sia stata solo la prima di tante battaglie?
«Ecco, per quanto riguarda la partita di domenica contro il Koinè il discorso è praticamente lo stesso, l'unica cosa diversa rispetto alle prime due partite è stato il risultato finale. Sicuramente non è mai bello perdere un derby in casa ma resta comunque una partita come le altre e il campionato è ancora lungo quindi abbiamo ancora tanto tempo per migliorare e presentarci più pronti per le prossime partite. E proprio il gruppo - ha sottolineato il giocatore maddalonese doc - è la nostra certezza da cui ripartire tutti insieme soprattutto adesso, perché sono convinto che ci rialzeremo più forti di prima da questo semplice incidente di percorso».
Come valuti il livello del campionato dopo tre giornate, e come vi vedi nella ipotetica corsa promozione?
«Il campionato è sempre stato competitivo e ormai sono anni che sappiamo che nessuno ci regalerà i due punti e che dovremmo affrontare squadre che contro di noi avranno sempre tante motivazioni perché tutti sanno quanto abbiamo fatto bene gli anni scorsi. Adesso peró credo sia troppo presto per parlare di promozione perché come ho detto prima, la cosa importante per noi in questo momento è ritrovare un’identità di gioco. Credo che si sbagliava chi ad inizio campionato ci dava per favoriti - ha concluso il regista gialloviola -, ma si sbaglia anche chi adesso ci da per finiti».
La formazione di coach Francesco Monteforte è chiamata al pronto riscatto già domenica, quando alle ore 18:30 farà visita al Basket Roccarainola fanalino di coda della classifica insieme alla Meomartini Benevento ed al Pik and Roll Pozzuoli ancora fermi a quota zero punti.
Giovanni Bocciero

martedì 20 ottobre 2015

U18 ECC. San Michele poco incisivo

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 21/10/2015

U18 ECC. Oggi i biancazzurri sfidano Scafati
San Michele poco incisivo

JUVECASERTA 59
PALL. SAN MICHELE 37
(18-8; 38-13; 46-21)

CASERTA: Gennarelli 13, Gravina 7, Porfidia 5, Formisano 3, Iovinella 6, Puoti, Piazza, Merolle 3, Cecere 5, Struffolino, Riccio 3, Romano 14, All. Corbo, Ass. Merola.
MADDALONI: Tartaglione 3, Pascarella 6, Bocciero 2, Nappi, Mandato 12, Piacentile, Maramaldi 2, Famoso, Cioppa, Ciccone 6, Pagano 4, Cicala 2, All. Palmisani, Ass. De Maria.
ARBITRI: Luigi Marino di Caserta e Luca Leggiero di San Tammaro (CE). 

CASERTA. Il derby del campionato Under 18 Eccellenza disputatosi al PalaMaggiò va ai padroni di casa della Juvecaserta che s’impongono sul San Michele Maddaloni per 59-37. Una gara che sin dall’inizio ha visto i bianconeri prendere la testa del punteggio grazie ai tanti tiri liberi mandati a bersaglio. Dal canto loro invece, Maddaloni faceva molta fatica a costruire azioni offensive che riuscissero a portare a dei tiri ad alto coefficiente di realizzazione, causa la maggiore intensità difensiva degli avversari. Gli ospiti pur soffrendo riescono a tenere bene in difesa ed al primo pit-stop dell’incontro lo svantaggio di dieci punti non è irrecuperabile. La seconda frazione, però, non è migliore per i biancazzurri che dimostrano poca decisione nelle penetrazioni ed allo stesso tempo una scarsa mira al tiro perimetrale, il che porta ad un problematico black-out che per svariati minuti tiene bloccati i ragazzi di coach Massimiliano Palmisani a quota 8 punti realizzati. Caserta alza i ritmi e così va al riposo lungo con un vantaggio abbastanza rassicurante. Al rientro dagli spogliatoi il leit movit della gara non cambia, con i locali che conducono in maniera salda le danze e con i viandanti che sostanzialmente provano a contenere i danni. Tra fine terza ed inizio quarta frazione un moto d’orgoglio scuote i maddalonesi che quantomeno mettono in mostra un po’ di gioco in vista del match casalingo di oggi con Scafati, palla a due alle ore 18:30.
Giovanni Bocciero

Juvecaserta, una sconfitta che ha i suoi strascichi

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 20/10/2015

LEGA A. A Cremona una prestazione con più ombre che luci, mentre Siva resta un dilemma
Juvecaserta, una sconfitta che ha i suoi strascichi

di Giovanni Bocciero

CASERTA. La sconfitta della Juvecaserta in quel di Cremona ha sollevato diversi problemi. Inutile sottolineare che la compagine di Pezza delle Noci sta vivendo sicuramente una situazione sfortunata, tra infortuni ed influenze che non permettono alla squadra di svolgere degli allenamenti all’altezza, ma anche numericamente consistenti. E la sconfitta contro Cremona, che al terzo tentativo dopo esserci andata vicina prima a Sassari e poi contro Trento trova finalmente la prima vittoria in campionato, ha evidenziato questa sofferenza per i bianconeri a giocare con intensità per l’intero arco della gara. Proprio come successo anche contro Torino settimana scorsa, quella stessa Torino che al PalaMaggiò ha fatto una buona prestazione senza però brillare, ma che in casa contro prima Reggio Emilia e domenica contro Venezia ha avuto vita piuttosto corta.
AMOROSO MENTRE DIFENDE
Al PalaRadi dopo averlo sbandierato a destra e a manca, Peyton Siva è stato nuovamente risparmiato. Scelta che ci può anche stare, ma aquesto punto bisognerebbe fare chiarezza sulle reali condizioni fisiche del play ex Louisville. Senza un regista vero la Juvecaserta soffre tantissimo nella costruzione del gioco, e questa sarà una nuova settimana in cui si cercherà di capire se contro Milano finalmente ci sarà.
Tornando alla gara di Cremona, Bobby Jones che ha rimediato un colpo ad inizio gara ha messo su una prestazione con più ombre che luci, commettendo diversi errori anche sotto canestro e non a caso lo si è visto più volte piegato sulle ginocchia a disperarsi; El Amin e Cinciarini ancora non sono riusciti a trovare la propria dimensione, troppe volte colpevoli di scelte forzate soprattutto al tiro, conseguenti però anche alle difficoltà della squadra di creare appunto gioco.
Micah Downs ha avuto un inizio di gara piuttosto positivo, rivelandosi trascinatore e miglior marcatore per i bianconeri, prima di scomparire man mano dal campo. Unico ad aver provato ad alzare per ultimo bandiera bianca è stato Valerio Amoroso, in palla sin da quando ha messo piede in campo (per sostituire Jones appena infortunato) e che per tutta la sfida ha trovato la via del canestro con una buona costanza, a volte anche con bombe siderali. Da capire il siparietto rivelato da alcuni tifosi cremonesi tra Downs e Amoroso, con lo statunitense che in panchina avrebbe mostrato il dito medio al napoletano. Un gesto di circostanza o una frattura nello spogliatoio?

SELEZIONE DEI 2002. Al PalaMaggiò sono tredici gli atleti casertani convocati

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 20/10/2015

SELEZIONE DEI 2002
Al PalaMaggiò sono tredici gli atleti casertani convocati

CASERTA. Altro appuntamento targato Federbasket campana con la selezione dei classe 2002 che questo pomeriggio (martedì 20 ottobre) si ritroverà presso il PalaMaggiò alle ore 15:00 per un nuovo allenamento agli ordini dello staff tecnico regionale composto dal responsabile Alfredo Lamberti (ViviBasket Napoli), l’head coach Giuseppe Zurolo (Nuova Pol. Stabia), gli assistenti Roberto Ciccarelli (Juvecaserta), Gianmarco Di Matteo (LBL Caserta), Francesco Minervini (Sporting Portici) e Davide Mirra (Basket Sant’Agnese) ed i preparatori fisici Pasquale Tancredi (Polisportiva Agropoli) e Giuseppe Lillo (Basket Casapulla).
Tutto il lavoro di questi mesi viene svolto in ottica del Torneo delle Regioni che come ogni anno sarà disputato in primavera. Un lavoro di intenso monitoraggio per visionare quanti più giovani atleti è possibile, così da formare poi la selezione più forte che la Campania possa permettersi per la kermesse nazionale.
Per l’appuntamento di questo pomeriggio, tra i 28 ragazzi complessivamente convocati, ve ne sono ben tredici provenienti da società di Terra di Lavoro, e sono i seguenti: Claudio Aldi, Dario Alessandrini, Alessio Iavazzi e Vincenzo Telese della Juvecaserta, Emanuele D’Addio e Simone Franceschetti del Basket Casapulla, Alessandro Fusco e Antonio Iovinella del Kioko Caserta, Giorgio Vincenzo Pagano, Michele Schettino e Armando Verazzo della Pall. San Michele Maddaloni, Francesco Portoghese dell’LBL Caserta, e Bartolomeo Robusto del Centro Basket Marcianise.
Per tutti questi atleti che ricordiamo sono poco più che tredicenni, non sarà la prima apparizione alle selezioni che rientrano nel Progetto di Qualificazione Territoriale, con l’obiettivo di prendere coscienza sul reale talento che la nostra regione può esprimere nella categoria dei classe 2002.
GIBO

domenica 18 ottobre 2015

Maddaloni perde a Viterbo crollando nel finale

COMUNICATO STAMPA PALL. SAN MICHELE DEL 18/10/2015

Maddaloni perde a Viterbo crollando nel finale

Stella Azzurra Viterbo- Pall. San Michele Maddaloni 79-63
Parziali: 20-18; 37-35; 58-47.
Viterbo: Peroni 18, Cianci 4, Mathlouthi 10, Marsili 17, Giancarli 5, Ndiaye, Meroi, Rovere 11, Casanova, Marcante 14, All. Fanciullo, Ass. Cardoni, Ass. Balestrino.
Maddaloni: Ragnino n.e., Mandato n.e., Piscitelli 9, Caceres 16, Desiato 11, Marini, Garofalo 3, Rusciano 4, Chiavazzo 20, Florio, All. Monda, Ass. Palmisani, Ass. De Maria.
Arbitri: Matteo Spinelli di Roma (RM) e Lorenzo Lupelli di Aprilia (LT).

Cronaca: La Pallacanestro San Michele Maddaloni esce sconfitta anche dal complicato parquet di Viterbo dopo aver disputato un primo tempo di grande consistenza, tenendo anche il naso avanti nel punteggio. Nella ripresa invece si è vista la brutta copia dei biancazzurri che hanno mostrato il fianco agli avversari, e questi ovviamente non si sono fatti minimamente pregare prima di affondare con molta decisione i denti alla giugulare dei viandanti.
Coach Giovanni Monda ripropone anche per la gara di Viterbo il quintetto alto, con Caceres schierato da ala piccola e la coppia Piscitelli e Rusciano che danno peso e centimetri nel pitturato. Backcourt invece composto dalla consolidata ed efficiente coppia Desiato e Chiavazzo. I primi minuti vedono Maddaloni sbagliare tanto al tiro, ma allo stesso tempo sfruttare a dovere gli errori dei padroni di casa. Le squadre si equivalgono sul rettangolo di gioco ed anche il risultato è fermo il più delle volte sulla parità (8-8 al 5'). Il pallone circola abbastanza bene su ambedue le metà campo, e questo permette a quasi tutti gli effettivi di realizzare o quantomeno di tirare. Il primo vero allungo è dei biancazzurri che scollinato il 7' firmano il canestro del 14-10. I ritmi di gioco sono veloci, questo spesso denota un po' di confusione, ma con un break di 8-0 la formazione della Tuscia ribalta il risultato riuscendo poi a chiudere il primo quarto avanti di due lunghezze.
Nel secondo quarto continua questa sorta di botta e risposta tra le due formazioni, anche se i primi minuti sono tutti a favore dei viandanti che con un parziale di 6-0 si portano sul 24-20 con "Cacio"Caceres protagonista. Viterbo fa fatica a segnare, sparacchia da tre punti anche se riesce a prendere qualche buon rimbalzo offensivo. Il primo canestro del secondo quarto arriva precisamente al 14', e non poteva essere che una tripla a spezzare l'incantesimo. Maddaloni però spinge sull'acceleratore e raggiunge anche i sette punti di vantaggio sul 34-27 grazie ad alcuni viaggi in lunetta di Francesco Chiavazzo. I locali comunque non demordono, si rimboccano le maniche, riducono il gap e proprio nel rush finale del primo tempo trovano il canestro del sorpasso sul 37-35.
Al rientro dagli spogliatoi, sulla falsariga di come si erano conclusi i primi 20' dell'incontro, è ancora Viterbo che trova con grande continuità il fondo della retina mettendo a segno un parziale di 7-0 che permette di sfiorare la doppia cifra di vantaggio sul 44-35 dopo appena 1'30" di gioco. I maddalonesi sono bravi a reagire e a rintuzzare sino al meno cinque, ma questa fase della partita procede a singhiozzo con il divario che si allarga e si accorcia come una fisarmonica. Il San Michele purtroppo fatica a trovare delle conclusioni dalla media e lunga distanza che centrino il bersaglio e questo va tutto a favore dei padroni di casa che raggiungono anche il massimo vantaggio sul 58-45 a 2'30" dall'ultimo pit-stop.
Anche la quarta frazione vede nuovamente Viterbo partire con maggiore energia ed incisività. L'attacco biancazzurro per oltre 5' va in affanno e non riesce in alcun modo a muovere il proprio punteggio, con le percentuali al tiro che precipitano inesorabilmente. Gli avversari sono bravi a gestire il vantaggio e a colpire con costanza arrivando a toccare addirittura i venti punti di vantaggio sul 74-52 al 36'. Maddaloni scompare pian piano dal campo e così gli ultimi minuti della partita sono di pura accademia per i padroni di casa con gli ospiti che sono costretti a rimandare ancora una volta l'appuntamento con il primo successo stagionale.


Addetto Stampa
Pall. San Michele
Giovanni Bocciero

sabato 17 ottobre 2015

VIDEO: San Michele ancora "on the road". Parla l'assistente Palmisani

COMUNICATO STAMPA PALL. SAN MICHELE DEL 17/10/2015

La Pall. San Michele ancora "on the road"

La Pallacanestro San Michele Maddaloni alla quarta giornata del campionato di Serie B si trova nuovamente a dover giocare "on the road", per un calendario che sicuramente non aiuta viste le tre trasferte in programma. Questa volta la metà per i biancazzurri di coach Giovanni Monda è Viterbo, per affrontare la locale Stella Azzurra che in questo avvio di torneo ha racimolato già quattro punti in virtù dell'esordio vincente in quel di Isernia e poi al l'affermazione casalinga contro Fondi. Nell'ultimo turno Viterbo è uscita sconfitta dal parquet di Cassino non senza lottare però. La squadra del tecnico Umberto Fanciullo è molto giovane avendo deciso di puntare su atleti come Marco Giancarli, play del 1995 contro cui Maddaloni ha giocato lo scorso anno avendo vestito la casacca del Cus Jonico Taranto, Michele Peroni, guardia del 1994, e Riccardo Rovere, ala del 1994. A loro sono stati affiancati giocatori d'esperienza come il confermato Fabio Marcante, ala classe 1980 che è l'autentico go-to-guy della formazione della Tuscia, e Valerio Marsili, pivot classe 1987. Palla a due in programma per domani, domenica 18 ottobre alle ore 18:00 presso il PalaMalè di Viterbo, con la gara che sarà diretta dai signori Matteo Spinelli di Roma (RM) e Lorenzo Lupelli di Aprilia (LT).

«Abbiamo lavorato bene in settimana - ha esordito l'assistant coach Massimiliano Palmisani - con tanta voglia e determinazione per sbloccarci. Rispetto alle altre squadre che abbiamo fin qui affrontato in campionato ci troveremo degli avversari diversi, molto meno tecnici. Viterbo inoltre si affida molto alle iniziative individuali, non ha un pivot con peso e centimetri a centro area e utilizza molto la transizione. Il calendario purtroppo non è stato benevolo con noi ma ribadisco che i ragazzi hanno davvero tanta voglia di riscattarsi da questo 0-3, oltre al fatto che potremo sfruttare la maggior tecnica e soprattutto l'esperienza che possediamo. Resta il fatto che giocare in trasferta non è mai facile - ha concluso il tecnico biancazzurro - e che dunque dovremo impegnarci al massimo per portare a casa la vittoria».




Addetto Stampa
Pall. San Michele
Giovanni Bocciero

venerdì 16 ottobre 2015

Juvecaserta, si sfoglia la margherita contro Cremona

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 17/10/2015

LEGA A. Con il rientro di Siva coach Dell’Agnello è afflitto dal dubbio El Amin-Gaddefors
Juvecaserta, si sfoglia la margherita contro Cremona

di Giovanni Bocciero

CASERTA. La partita di domani al PalaRadi di Cremona sarà un bel banco di prova per la Juvecaserta di coach Sandro Dell’Agnello. Una partita che permetterà ai bianconeri di schierare per la prima volta in partite ufficiali il loro playmaker Peyton Siva. L’ex Louisville è il vero fulcro del gioco casertano, e le partite contro Varese prima e Torino poi sono state il più classico esempio che potesse essere dimostrato. Adesso la sfida alla Vanoli Cremona servirà proprio per capire quanto sia importante Siva per questa Juvecaserta. Senza di lui gli uomini di Dell’Agnello hanno fatto vedere una gran difesa, che a tratti non è riuscita a mantenere la stessa concentrazione ma che risulta comunque essere il vero cavallo di battaglia di questa squadra. Allo stesso tempo si sono viste anche le tante difficoltà in attacco, dove se non si riuscuva a correre in transizione per realizzare prima che la squadra avversaria si schierasse si faceva molta fatica a muovere il proprio punteggio.
Siva dovrebbe portare proprio quelle geometrie quando ci sarà da scardinare le difese, perché grazie alla sua grande intelligenza cestistica sa segnare o creare per i compagni. I compagni, ma quali? In effetti con il suo rientro la Juvecaserta dovrà per forza di cose optare per la rotazione degli stranieri che ha attualmente a roster. Il punto interrogativo che affliggerà lo staff tecnico bianconero sarà soprattutto lo scegliere tra Muhammad El Amin e Viktor Gaddefors. Il tiratore americano sin qui non è brillato con la formazione di Pezza delle Noci, dovendo comunque sacrificarsi in un ruolo che sicuramente non gli si addice. Le sue capacità di palleggio gli permettono di crearsi da solo il tiro, ma da questo a farlo diventare un play puro ce ne passa. Con Siva in squadra ovviamente sarà sgravato di tale incombenza e potrà invece essere messo più in ritmo. Gaddefors ha dalla sua la solidità della prestazione, perché vuoi o non vuoi lo svedese alla fine il sei in pagella lo riesce sempre a prendere. Grazie soprattutto alla sua grande abnegazione nella metà campo difensiva, dove riesce il più delle volte a fare la differenza. La Juvecaserta fin qui ha segnato poco, forse così com’è avrebbe un potenziale di 65 punti a partita. E dunque il dubbio amletico in vista di Cremona passa assolutamente tra le capacità balistiche di El Amin e la potenzialità difensiva di Gaddefors.

giovedì 15 ottobre 2015

L’ex Stefhon Hannah tagliato dai Chicago Bulls

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 16/10/2015

L’ex Stefhon Hannah tagliato dai Chicago Bulls

EX BIANCONERI. Lo avevamo scritto proprio qualche giorno fa, dopo essere stati stupiti dal suo ingaggio. Ma l’avventura in casacca Chicago Bulls dell’ex playmaker della Juvecaserta Stefhon Hannah è già arrivata al capolinea, essendo stato tagliato dalla franchigia della sua stessa città natale dopo un paio di partite giocate in questa preseason NBA e soprattutto aver calcato il parquet soltanto per una manciata di minuti. In realtà le chance che Hannah riuscisse a strappare un contratto garantito sino alla fine della stagione regolare con la squadra sei volte campione NBA era già di per sè parecchio difficile. Con lo scarso utilizzo e la diminuzione a 15 atleti per roster prima dell’inizio del campionato imposto dal regolamento statunitense lo hanno reso sempre più un miraggio sino al definitivo taglio. Adesso Hannah o potrà racimolare qualche contratto in D-League sperando di rimanere negli Stati Uniti, oppure farà ritorno in Europa o magari si trasferirà in Cina, meta molto ambita dagli americani, o in un campionato caraibico al sole e al caldo.
GIBO

Sette team di Terra di Lavoro nei tornei Under 20

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 16/10/2015

One Team e Cedri iscritti a quello Elite, Juvecaserta, Casagiove, Curti, Koinè e Aics a quello Regionale
Sette team di Terra di Lavoro nei tornei Under 20

CASERTA. E’ ormai prossimo l’inizio del campionato Under 20 Elite, che vedrà alzarsi la prima palla a due lunedì 19 ottobre. Dodici le società ammesse e che andranno a comporre un’unico girone di qualificazione. Tra le partecipanti vi sono due compagini casertane, ovvero la One Team Basket (società nata dalla fusione tra Basket Casapulla e LBL Caserta) ed i Cedri San Nicola. Le altre formazioni iscritte sono le partenopee Forio Basket, Felix Napoli, Vesuvius Cercola, Tigers Saviano e Azzurro Napoli; le salernitane Polisportiva Agropoli, Pallacanestro Salerno, Basket Sarno e Basket Scafati 1969; ed infine la Scandone Avellino.
Per quanto riguarda la formazione della One Team, che disputerà le proprie gare casalinghe presso il PalaNatale di Casapulla, il team sarà allenato da coach Francesco Monteforte ed è composto da atleti provenienti dalle squadre oltre di Casapulla ed LBL Caserta, anche dalla Pall. San Michele Maddaloni. I Cedri invece, hanno allestito il proprio roster grazie alla collaborazione nata insieme alla Juvecaserta, che quest’anno non si è iscritta ne al campionato di DNG ne a quello appunto Elite.
IL PALANATALE DI CASAPULLA
Il campionato inizierà come già detto il prossimo 19 ottobre, e le gare saranno giocate di lunedì o di martedì, per un totale di ventidue giornate con la formula del girone all’italiana con partite di andata e ritorno che terminerà l’11 aprile 2016. Le formazioni meglio classificate saranno poi ammesse alla Fase Interregionale, ed il numero preciso delle qualificate sarà comunicato successivamente tramite circolare del Settore Giovanile della FIP.
La Federbasket campana ha definito anche il campionato Under 20 Regionale, che inizierà invece il prossimo 26 ottobre. Le gare saranno sempre giocate di lunedì o di martedì, ma qui ovviamente la formula del torneo cambia viste le quindici formazioni iscritte e così suddivise: Girone A con le casertane Virtus Curti, Aics Caserta e Koinè San Nicola oltre alle napoletane Pall. Afragola e Sorriso Azzurro Sant’Antimo; Girone B con le casertane Juvecaserta e Pall. Casagiove 2002 oltre alla sannita Virtus Benevento ed alle partenopee Virtus Piscinola e Pro Cangiani; infine il Girone C composto da S.C. Torregreco, Basket Roccarainola, Cilento Agropoli, Polisportiva Angri e Centro Storico Avellino.
La prima fase del campionato, al via il 26 ottobre e che si concluderà l’11 gennaio 2016 dopo il classico girone all’italiana che vedrà accedere tutte le squadre alla seconda fase. Questa si svolgerà mediante la costituzione di ulteriori due gironi, D ed E, che saranno composti tramite questo schema: al Girone D accedono la 1° del girone A, la 2° B, la 2° C, la 3° B, la 3° C, la 4° A e la 5° A; al Girone E invece la 1° del girone B, e di conseguenza la 1° C, la 2° A, la 3° A, la 4° B, la 4° C, la 5° B e la 5° C.
Al termine di questa seconda fase, che avrà inizio il 18 gennaio 2016 per concludersi il 25 aprile 2016, le prime due del Girone D e di quello E accederanno al Concentramento finale, con accoppiamenti incrociati 1° D vs 2° E e 1° E vs 2° D, da disputarsi in sede unica il 2 e 3 maggio 2016.
Giovanni Bocciero

mercoledì 14 ottobre 2015

MINORS. I team dell’Agro Aversano sorridono a metà

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 15/10/2015

MINORS. Parete espugna Torre del Greco, Succivo cede con Benevento
I team dell’Agro Aversano sorridono a metà

S.C. TORREGRECO 63
BASKET PARETE 66
(17-17; 24-33; 42-48)

PARETE: Vitale 1, Pedata 2, Brillante 4, Di Girolamo 13, Ambrosino 11, D’Angelo 9, Puca 10, Carbone 8, Di Gaetano, Tarantino 1, De Stasio 7, Argenziano, All. Moretti.

PARETE. Dopo l’esordio con sconfitta nel derby con il Koinè San Nicola, arrivano i primi due punti in trasferta per il Basket Parete (nella foto il roster completo) che ha espugnato il campo di gioco del Torregreco dopo una gara in cui nel primo e nell’ultimo quarto è regnato sovrano l’equilibrio. I paretani di coach Alfonso Moretti provano ad accelerare subito il ritmo della contesa con le bombe di D’Angelo e le incursioni di Carbone. Grazie ad una sequenza di liberi i padroni di casa rintuzzano e acciuffano la parità, ma i viandanti non hanno intenzione di fare sconti ed allungano sino al più dodici grazie ai sette punti nin fila che Di Stasio realizza ad inizio ripresa. Torregreco però è squadra giovane e dunque gagliarda, con grinta e caparbietà prova la rimonta che si spegne soltanto di fronte alla maggiore freddezza di Ambrosino che realizza gran parte del suo bottino proprio nel rush finale.
Se Parete può sorridere alla sua seconda uscita ufficiale nel campionato di Serie D, arriva il referto giallo all’esordio in Promozione del Basket Succivo, altra formazione dell’Agro Aversano che è stata sconfitta dalla Cestistica Benevento. Il match è stato disputato sul campo neutro del Pala Angioni-Caliendo di Maddaloni a causa dell’indisponibilità del parquet atellano che deve subire ancora dei lavori di rifacimento. Dai blocchi di partenza escono meglio i sanniti che iniziano con il turbo innestato raggiungendo la doppia cifra di vantaggio già a fine primo quarto, mentre Succivo fatica e non poco a realizzare (8 i punti complessivi al 10’). Il secondo quarto segue la falsariga di quello precedente, con gli ospiti che dirigono le danze, ma tutto cambia al rientro dagli spogliatoi dopo aver osservato il riposo lungo. Gli atellani, infatti, grazie ad un moto d’orgoglio iniziano ad accorciare il divario sino ad arrivare sul meno cinque. La reazione degli avversari non si fa però attendere, e così gli ultimi minuti della sfida che si chiude sul 47-59 sono pressoché di garbage time.
Giovanni Bocciero

lunedì 12 ottobre 2015

EX BIANCONERI. Hannah male a Chicago

DALLA GAZZETTA DI CASERTA DEL 13/10/2015

EX BIANCONERI
Hannah male a Chicago, Colson saluta Caserta

CASERTA. Notizia di diversi giorni fa è quella che ha visto i Chicago Bulls firmare l’ex playmaker bianconero Stefhon Hannah, per far fronte all’ennesimo infortunio occorso a Derrick Rose (frattura della mandibola). Nato proprio a Chicago (Illinois) il 14 giugno del 1985, l’atleta americano sta disputando la preseason con i sei volte campioni NBA ma fin qui ha giocato poco più di un paio di minuti. Difficile che riesca a strappare un contratto garantito sino alla fine della regular season. Prodotto di Missouri University (50 partite dal 2006 al 2008, 15.1 punti, 4.8 assist, 3.3 rimbalzi e 2.2 recuperi di media), da professionista esordì in Europa, a Cipro, prima che nell’estate del 2013 venne ingaggiato dalla Juvecaserta.
L’avventura all’ombra della Reggia durò 18 partite (9.3 punti, 4.2 assist, 3 rimbalzi e 1.7 recuperi di media) senza lasciare un buon ricordo, prima di venire appunto tagliato per scarso rendimento. Da ricordare che scese in campo nell’anticipo contro Reggio Emilia praticamente sapendo di dover preparare le valigie il giorno dopo. Al suo posto l’allora giemme casertano Marco Atripaldi trovò l’accordo con il pari ruolo Chris Duhon, che rappresentava un autentico colpo di mercato. La telenovela sappiamo tutti come purtroppo andò a finire. Per problemi legati allo stato di salute della moglie incinta l’ex Orlando Magic, Chicago Bulls, New York Knicks e Los Angeles Lakers si tirò indietro ed al suo posto la Juvecaserta ingaggiò Ronald Moore, regista vecchio stampo che al PalaMaggiò ha avuto un rendimento altalenante causa soprattutto le sue caratteristiche che non si completavano a dovere con il resto della squadra. Parlando di ex playmaker casertani, alcuni giorni fa l’indimenticato Sean Colson salutò tutta Caserta con un post su facebook. Gesto molto apprezzato dai tifosi bianconeri.
GIBO